a cura di Paola Rossi

L’Arcella racconta è il risultato di un laboratorio condotto con gli studenti dell’Istituto “Giovanni Valle” di Padova. Il Silent Play mette insieme l’esigenza di scoprire il contesto storico, sociale, architettonico in cui si inserisce l’istituto frequentato dai ragazzi, con il desiderio di raccontare una storia e di mettersi in gioco personalmente. Nel corso del laboratorio gli studenti hanno svolto un lavoro di ricerca, identificato i punti di interesse, progettato il percorso, ideato il soggetto, inventato i personaggi, scritto e interpretato i testi.

Il percorso parte da via Piacentino, alle spalle dell’Istituto. Qui si incontra Gregorio, uno studente alla ricerca di un alloggio all’Arcella. Gregorio chiede consiglio alla rete e riceve alcuni messaggi vocali; fra questi quello di Marianna, che gli dà appuntamento al parco Piacentino. Al parco Marianna non c’è; al suo posto una strana ragazza illustra a Gregorio i murales che decorano i muri circostanti e lo invita ad andare a visitare una galleria d’arte poco distante.

Da qui in poi il protagonista incontrerà vari personaggi – un ragazzo francese, un professore di storia, una studentessa della scuola italo-cinese, due innamorati, un architetto, un nerd, una devota di Sant’Antonio, due psicologhe e… Marianna – interpretati dai ragazzi del laboratorio, che gli faranno via via conoscere nuovi aspetti del quartiere e ogni volta lo rimanderanno a una nuova tappa del suo percorso, sempre alla ricerca di Marianna.

Il pubblico segue Gregorio, un poco discosto, e ascolta con le radioguide i dialoghi che avvengono durante gli incontri, i pensieri del protagonista, i messaggi vocali di Marianna.

Il racconto che si snoda lungo le strade dell’Arcella diventa l’occasione per conoscere frammenti della storia del quartiere, prendere coscienza di alcune criticità, scoprire recenti progetti di riqualificazione urbana, vedere alcuni dei tanti murales che in questi ultimi anni hanno trasformato questa zona della città in un vero e proprio museo a cielo aperto.