Il lavoro, realizzato con i giovani di Caritas Internationalis e di Non Dalla Guerra, è stato presentato mercoledì 23 gennaio al Teatro Villalaz nel programma della XXXIV Giornata Mondiale della Gioventù. Il progetto presentato da Caritas Internationalis è stato scelto dal Comitato Organizzativo ufficiale della GMG tra altri 400 per rappresentare il tema della cultura dell’incontro. La performance sbarcherà in Italia nella seconda metà del 2019.

È la terza tappa di una trilogia dedicata al tema dell’incontro con l’altro, iniziata con “Memorie del nostro fugimento” per il Festival Biblico 2016 e proseguita nel 2018 con “Non abbastanza vicino” sulla figura dell’operatore umanitario. Ed è stata selezionata dal Comitato Organizzativo ufficiale della GMG fra altri 400 progetti per rappresentare i temi dell’alterità e della cultura dell’incontro all’interno del programma della XXXIV Giornata Mondiale della Gioventù, in corso a Panama fino al 27 gennaio. Si tratta di “IL VOLTO DELL’ALTRO”, la nuova performance interattiva de La Piccionaia, che è stata presentata in prima assoluta ieri, mercoledì 23 gennaio (alle 13 e alle 14 ora locale, le 19 e le 20 ora italiana) presso il Teatro Anita Villalaz, nella capitale dello stato centro-americano, nel quadro di un incontro internazionale con S.Em. il Cardinale Luis Antonio Tagle, presidente di Caritas Internationalis.

Coprodotta da La Piccionaia e Caritas Internationalis in collaborazione con l’Associazione Non Dalla Guerra, “IL VOLTO DELL’ALTRO” è un progetto coordinato dal drammaturgo e regista del Centro di Produzione Teatrale vicentino Carlo Presotto con Paola Rossi, Giovanni Zambon e Tommaso Carrieri. Un lavoro che, come i due precedenti, si basa sul dispositivo del Silent Play, sperimentato in questi anni da un’équipe di lavoro capitanata dallo stesso Presotto. Si tratta di un linguaggio teatrale innovativo, che si avvale di tecniche drammaturgiche provenienti dal teatro fisico, dal teatro forum e dal teatro partecipativo e che mette in scena una drammaturgia in movimento capace di coinvolgere i partecipanti in un’esperienza interattiva e relazionale, facilitata dalla presenza di performer-conduttori. Uno strumento perfetto per avvicinare i giovani, che a migliaia si sono riuniti in questi giorni a Panama da svariate parti del mondo, a tematiche complesse come la diversità, la migrazione e la fiducia, invitando a una rielaborazione critica e personale.

Il titolo è una citazione dal filosofo Emmanuel Lévinas, che in “Totalità ed infinito” scrive: “Il volto dell’altro mi interroga. Il volto è il modo in cui si presenta l’Altro”. E così, a partire da questa suggestione, più di 250 partecipanti hanno ascoltato in cuffia una voce che ha proposto loro istruzioni e riflessioni, lasciando ciascuno libero di decidere se agire e prendere o meno posizione. Ad esempio, con semplici azioni fisiche di prossimità l’uno verso l’altro, per mettersi alla prova e sperimentare fino a che punto si riesca ad accettare la sfida dell’incontro con l’altro e a farsi interrogare dalla sua presenza: “L’altro mi concerne, mi guarda, mi riguarda”, scrive ancora Lévinas.

Un progetto innovativo anche dal punto di vista del processo drammaturgico, che oltre all’associazione italiana Non Dalla Guerra ha coinvolto i giovani referenti di Caritas provenienti da Egitto, Lussemburgo, Inghilterra, Libano, El Salvador, Stati Uniti e Brasile: un gruppo di lavoro internazionale e multiculturale che ha contribuito a mettere a fuoco le tematiche e ha valorizzato la diversità degli approcci. La performance è ora a disposizione delle comunità locali in Italia e all’estero per la libera fruizione, che possono ricevere tutte le informazioni scrivendo a sharethejourney@caritas.va.

“Quello che abbiamo proposto – ha commentato Carlo Presotto – è stato di partecipare liberamente ad un gioco. Ad un esperimento. Un modellino in scala della realtà. Sta ad ognuno di noi decidere come giocare. Possiamo uscirne confortati nelle nostre certezze, oppure diversi da come siamo entrati. Un gioco: da prendere con leggerezza e serietà”.


Ufficio stampa:
Gloria Marini
La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale
334 9187656 – gloria.marini@piccionaia.org