di Carlo Presotto
in collaborazione con Associazione Quante Storie
un progetto promosso e finanziato dal Comune di Mogliano Veneto

Silent Play è il progetto di narrazione urbana itinerante,  dedicato alla promozione del patrimonio culturale e ambientale, creato nel 2010 da Carlo Presotto per il Centro di Produzione Teatrale La Piccionaia. E’ insieme una indagine storica, culturale e sociale e si rivolge alla comunità del territorio coinvolto, ai flussi turistici nazionali e internazionali. Ogni paesaggio, ogni sito, ogni opera d’arte può raccontare una storia, e sarà attraverso questo “silenzioso gioco” che il territorio parlerà attraverso il gruppo Quante storie, che da alcuni anni all’interno degli spazi della Biblioteca Comunale di Mogliano Veneto (TV), nelle scuole e nelle piazze invita alla lettura giovani e adulti.

Spesso abitiamo per anni i luoghi dove viviamo senza conoscerne la storia, gli aspetti originali, bizzarri e divertenti. Il gioco silente li svela e invita ad una maggiore conoscenza del territorio e può promuovere consapevolezza e rispetto all’ambiente.

Ogni partecipante indosserà delle cuffie che permetteranno di mettersi in comunicazione con il racconto registrato, oppure potrà collegarsi con il proprio cellulare alla piattaforma gratuita izi.travel e, indossando gli auricolari, ascolterà le voci delle lettrici di “Quante storie” che descriveranno via via il
percorso.

Sono stati individuati due itinerari: De qua e de la dee sbare (partenza dalla stazione ferroviaria per arrivare al parco di Villa Longobardi) e Alberi maestri (partenza dal bosco della scuola media M. Hack in via Roma fino alla filanda di Campocroce). Ogni tracciato si sviluppa in una serie di tappe che corrispondono all’ascolto della descrizione della storia e delle caratteristiche del luogo.